5 per mille: sostieni la ricerca del Rizzoli!

News - 07/05/2012

Anche nel 2012 è possibile sostenere la ricerca scientifica dell’Istituto Ortopedico Rizzoli. Basta un piccolo gesto. Occorre scrivere il codice fiscale dell’Istituto – 00302030374 – e firmare nell’apposito riquadro del modello utilizzato per la dichiarazione dei redditi, nella sezione “finanziamento della ricerca sanitaria” (vai alla pagina con le istruzioni).

Anche nel 2012 la campagna promozionale dell’Istituto Ortopedico Rizzoli vede come testimonial alcuni giovani ricercatori impegnati quotidianamente nei nostri laboratori di ricerca. A loro va il nostro ringraziamento. E’ infatti anche grazie alla loro disponibilità a comunicare l’importanza della ricerca in campo ortopedico che l’Istituto ha ottenuto, nei primi 4 anni del 5 per mille, circa 1,4 milioni di euro, impiegati per far crescere la ricerca e per migliorare la capacità di cura dei pazienti.

Valeria Sero, biologa del Laboratorio di oncologia sperimentale dell'Istituto Ortopedico Rizzoli e testimonial della campagna 5 per mille

“Il 5 per mille è una possibilità in più di parlare di quanto per noi ricerca e cura dei pazienti siano le due facce di una stessa medaglia” ha osservato il direttore generale Giovanni Baldi. “Quello tra il Rizzoli e la comunità - non solo bolognese, visto che in questo Istituto arrivano persone da tutta Italia e dall’estero - è un rapporto forte, segno di un legame intenso tra il Rizzoli ed i pazienti. Il fatto che anno dopo anno aumenti il numero di persone che affida al Rizzoli il 5 per mille ci fa pensare che venga sempre più riconosciuta la relazione tra la ricerca nei laboratori ed il miglioramento della capacità di cura. Speriamo che quest’anno siano ancora di più a sceglierci, perché sapere che la ricerca è vissuta come un patrimonio dalla comunità ci dà la spinta per cercare sempre nuovi risultati, per ottenere successi che migliorino il futuro di tutti.”

Contenuto aggiornato il 08/06/2012 - 09:45
Utilizza SharethisShareThis  Scrivi una email  Vai a facebook  Vai a twitter