Tipi di donazione

L'origine del tessuto osseo e muscolo-scheletrico è duplice:

  • autologo: durante l'intervento chirurgico ricostruttivo, l'osso viene prelevato da un'altra sede anatomica del paziente stesso;
  • omologo: il tessuto viene donato da donatori viventi oppure deceduti.

La donazione autologa può fornire solo quantità limitate di osso; comporta un'ulteriore ferita chirurgica, con conseguente allungamento dei tempi di intervento.

La donazione omologa consente di soddisfare il crescente fabbisogno quantitativo e qualitativo di tessuto muscolo-scheletrico.

Chi sono i donatori di tessuto muscoloscheletrico

  • Donatori viventi. Ai pazienti sottoposti ad intervento di protesi d'anca per coxartrosi o endoprotesi per frattura, viene asportata la testa del femore per permettere l'alloggiamento della protesi. Dalla testa del femore si elimina la parte cartilaginea alterata dall'artrosi; l'osso, generalmente di buona qualità, può essere donato e utilizzato a beneficio di altri pazienti.

donatori muscoloscheletrici

  • Donatori multiorgano e tissutali. Donatori deceduti che donano i propri organi (cuore, fegato, polmoni, reni, pancreas, intestino) e/o tessuti (cute, ossa, tendini, cornee, valvole cardiache e vasi sanguigni) a scopo di trapianto. Ne è un esempio il primo trapianto di spalla al mondo eseguito all'Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna.
Contenuto aggiornato il 05/09/2019 - 09:03
Utilizza SharethisShareThis  Scrivi una email  Vai a facebook  Vai a twitter