Chirurgia delle deformità del rachide

La Struttura Semplice Dipartimentale di Chirurgia delle deformità del rachide dispone di 11 posti letto per ricovero ordinario, organizzati in 5 camere di cui 3 con tre posti letto ciascuna e 2 con due posti  letto pediatrici (muniti di spazio per l’accoglienza di un genitore per ogni letto), e di un posto letto per l’osservazione breve intensiva (OBI). È garantita la presenza del medico in reparto tutti i giorni feriali dalle ore 8.00 alle ore 14.00. L'ambulatorio divisionale opera il Lunedì, il Mercoledì e il Venerdì dalle 8 alle 13. Una volta ogni due settimane (il giovedì mattina) è attivo l’ambulatorio per le Malattie Rare.

Attività clinica

La Struttura Semplice Dipartimentale di Chirurgia delle Deformità del Rachide (ex Chirurgia ortopedico-traumatologica vertebrale) si occupa della diagnosi e del trattamento di tutte le patologie a carico della colonna vertebrale (cervicale, toracica, lombosacrale): deformità, patologie infettive, traumatiche e degenerative (artrosiche). Il trattamento delle patologie che causano una deviazione della colonna sono quelle che storicamente hanno sempre più impegnato i chirurghi vertebrali dell'Istituto. Le deformità della colonna vengono trattate in modo conservativo (mediante busti ortopedici), quando possibile, oppure chirurgicamente. Ogni settimana nelle nostre sale chirurgiche vengono operati almeno 2 pazienti con una scoliosi la cui età può spaziare da quella infantile a quella adulta/senile.

Il trattamento di tali patologie richiede un approccio multidisciplinare, con coinvolgimento di:

  • SC Servizio Immunoematologia Trasfusionale e Banca delle cellule e del tessuto muscolo-scheletrico;
  • SSD Genetica Medica e Malattie Rare Ortopediche;
  • SC Anestesia e Terapia Intensiva Postoperatoria;
  • SC Radiologia Diagnostica e Interventistica;
  • SSD Chirurgia Generale e Toracica Muscolo-scheletrica.

Un particolare impegno è infatti stato rivolto negli ultimi anni verso il trattamento di:


Attività di ricerca

La Struttura Semplice Dipartimentale di Chirurgia delle deformità del rachide è impegnata sul fronte della ricerca clinica, con particolare riferimento alle seguenti attività:

  • studio e applicazione di sistemi innovativi per il trattamento delle patologie degenerative della colonna basati sulla 'non fusion', la capacità cioè di abolire il dolore vertebrale senza bloccare la motilità della colonna (protesi discali, sintesi elastica e ibrida), con risultati presentati a congressi e pubblicati in letteratura;
  • mezzi terapeutici biologici: trasformare culture di cellule umane non differenziate in culture di cellule capaci di produrre tessuti da trapiantare in zone degenerate e che possano permettere un giorno la rigenerazione dei dischi intervertebrali;
  • tecniche di 'chirurgia preventiva' con sistemi “allungabili” (VEPTR, growing rod, sistemi magnetici) per i pazienti in età neonatale e pediatrica affetti da deformità vertebrali ad esordio precoce, che permettono di mantenere la deformità entro limiti accettabili consentendo l'accrescimento della colonna;
  • valutazione in vivo di dispositivi medici con funzione di biomateriali-sostituti ossei, in applicazioni di chirurgia vertebrale;
  • studio delle deformità vertebrali associate a malattie rare.

Contenuto aggiornato il 09/07/2013 - 17:47
Redazione contenuti: Dr.ssa Tiziana Greggi (tiziana.greggi@ior.it)
Utilizza SharethisShareThis  Scrivi una email  Vai a facebook  Vai a twitter