Dr.ssa Stefania Benini

Foto della D.ssa Stefania Benini
Dr.ssa Stefania Benini
051-6366665
051-6366035
051-6366592

Titoli di Studio Professionali ed Esperienze Lavorative

06/08/1969
Dirigente Biologo

Incarico professionale di graduazione B: "Controllo qualità e implementazione settori biologia molecolare e immunoistochimica" (delib. n.232 del 18/10/2016).

1993: Laurea in Scienze Biologiche presso l'Università di Bologna

1994: Diploma di abilitazione all'esercizio dell'attivita' professionale di biologo - Iscrizione all'Ordine Nazionale Biologi
2003: Specializzazione in Patologia clinica

1995-1997 Vincitrice di borsa di studio triennale dall’Associazione Italiana Ricerca sul Cancro (A.I.R.C.) presso il Laboratorio di Ricerca Oncologica IOR.
1998-2005 ha svolto attività di ricerca in ambito muscolo-scheletrico, presso il Laboratorio di Ricerca Oncologica dello IOR (Dir. Dott. P. Picci) in qualità di collaboratore professionale tecnico sanitario di laboratorio biomedico a tempo indeterminato.
2001 vincitrice di una borsa di studio trimestrale della Intenational Union against cancer (UICC) svolta presso il Laboratorio di Oncologia virale e molecolare dell’Università di Parigi, Paris 7,
Dal 01/01/2006 ad oggi svolge attività assistenziale presso la SSD di Anatomia Patologica dello IOR (Dir Dott. A.Alberghini) settore di diagnostica molecolare dei tumori solidi dell’apparato muscoloscheletrico, in qualità di Biologo-Patologia clinica.

01/02/2007-31/3/2010 ha svolto attività assistenziale presso il settore di citopatologia diagnostica del servizio di Anatomia Patologica dell’Azienda USL di Cesena, in qualità di Dirigente Biologo con incarico a tempo determinato.

01/10/2012-15/10/2012 Stage professionale presso il Department de Pathologie de l’Institut Bergoniè, Centre regional de Lutte Contre le Cancer de Bordeaux et du Sud-Ouest per trasferimento tecnologco con la superviosione del Prof JM Coindre.

01/04/2010 a tutt'oggi  Svolge attività assistenziale presso il servizio di Anatomia e Istologia patologica dell’Istituto Ortopedico Rizzoli, responsabile  del settore immunoistochimica e biologia molecolare in qualità di Dirigente Biologo con incarico a tempo indeterminato.

Inglese: buono

Francese: buono

Coltura di cellule trasformate umane e determinazione dei parametri di base della crescita  in vitro.
Saggi di immunocitochimica e di immunoistochimica (Avidina-Biotina perossidasi, Alkaline Phosphatase Anti-Alkaline Phosphatase, Perossidasi Anti Perossidasi). Immunofluorescenza diretta ed indiretta.
Clonaggio genico e amplificazione su vasta scala. Trasfezione genica.
RT- PCR (Polimerase Chain Reaction), Real Time PCR con sistema Applied Biosystems 7700 e 7900, Southern blotting, Western blotting.
Tecniche di silenziamento genico transiente e stabile.
Ricerca dell’HPV umano con sitema “Hybrid Capture 2" su campioni citologici.
Citodiagnosi di preparati citologici di origine esfoliativa.
Valutazione delle aberrazioni cromosomiche nei sarcomi muscolo-scheletrici mediante RT-PCR e Fluorescence in situ hybridization (FISH).
Conoscenze informatiche: Utilizzo di Office e di Banche Dati (gene, protein). Utilizzo di banche dati (Basic Local Alignment Search Tool) per lo studio delle sequenze biologiche.

Ha svolto ruolo di correlatore a 4 tesi di Laurea in Biotecnologie e 2 tesi di laurea in Tecnico di Laboratorio Biomedico.

E’ autore-coautore di 47 lavori pubblicati su riviste scientifiche internazionali, 35 comunicazioni a congresso e un capitolo di libro.
Ha collaborato a 6 Progetti di Ricerca finanziati dall’Associazione Italiana Ricerca sul Cancro (AIRC); 13 Progetti di Ricerca Corrente dell'Istituto Ortopedico Rizzoli (anni 1994-2000); 2 Progetti Europei; 5 Ricerche Finalizzate del Ministero della Sanità; 1 Progetto Finalizzato CNR.
Principali linee di ricerca.
Valutazione di alterazioni dell’espressione di oncogeni e antioncogeni in campioni di tessuto tumorale di neoplasie muscoloscheletriche mediante tecniche di immunocitochimica.
Studio delle alterazioni citogenetiche di importanza diagnostica e prognostica nei sarcomi a cellule rotonde.
Valutazione della malattia minima residua in pazienti con sarcoma di Ewing.
Analisi del profilo genico di espressione di importanza prognostica nei tumori neuroectodermici e nei sarcomi indifferenziati mediante tecnicna di cDNA-microarray e validazione dei risultati mediante PCR quantitativa.
Identificazione di circuiti autocrini specifici nei tumori muscolo-scheletrici, al fine di individuare strategie terapeutiche innovative basate sull’uso di anticorpi monoclonali, oligonucleotidi antisenso e mutazioni funzionali.
Analisi delle vie di traduzione del segnale mediate da Insulin-like growth factor-I Receptor (IGF-IR) al fine di individuare strategie terapeutiche basate sull’uso di inibitori specifici di mediatori del signalign di tale recettore.
Analisi di terapie farmacologiche innovative mirate ad inibire IGF-IR nel trattamento del sarcoma di Ewing valutate in vitro e in vivo.
Studio di silenziamento genico, transiente e stabile, del gene MIC2 e IGF-IR in cellule di sarcoma di Ewing al fine di identificarne il ruolo biologico e molecolare.

Caratterizzazione molecolare dei tumori muscolo-scheletrici attraverso lo studio di marcatori tumorali, traslocazioni e riarrangiamenti genici associati a tali neoplasie.

Contenuto aggiornato il 20/10/2016 - 15:22
Utilizza SharethisShareThis  Scrivi una email  Vai a facebook  Vai a twitter