Piede torto congenito: la metodica di Ponseti e l’intervento di Codivilla

Alcuni esempi di piede torto congenito

Il nostro Istituto vanta un’esperienza di oltre un secolo nel trattamento del Piede Torto Congenito. Dagli studi di Codivilla ad oggi, il trattamento si è progressivamente affinato, fino ad aderire – ormai da diversi anni – ai canoni del trattamento conservativo e mini-invasivo della metodica di Ponseti.

Tuttavia, il bagaglio culturale della nostra Scuola (in termini di esperienza sulla patologia del piede torto congenito e sulla gestione degli apparecchi gessati, nonché in termini di esperienza chirurgica) rimane per noi un punto fermo, che ci differenzia da altri gruppi di lavoro con esperienza unicamente in una tipologia di trattamento e con conoscenza limitata di tutti gli aspetti di tale patologia.

Qui di seguito riportiamo alcuni elementi di base riguardanti le modalità di trattamento in uso nella Struttura Complessa di Ortopedia e Traumatologia Pediatrica.

  1. Cos’è la metodica di Ponseti?
  2. In cosa consistono gli apparecchi gessati?
  3. In cosa consiste la tenotomia percutanea del tendine di Achille?
  4. In cosa consiste l’uso del tutore?
  5. Risultati
  6. Recidive

 

Autore: Dr. Manuele Lampasi, Struttura Complessa di Ortopedia e Traumatologia Pediatrica, Istituto Ortopedico Rizzoli.

Scheda informativa revisionata il 14 Novembre 2012.

Contenuto aggiornato il 01/03/2016 - 16:02
Utilizza SharethisShareThis  Scrivi una email  Vai a facebook  Vai a twitter