Prof. Roberto Buda

Foto del prof. Roberto Buda
Prof. Roberto Buda
051-6366924
051-6366175

Titoli di Studio Professionali ed Esperienze Lavorative

24/12/1957
Dirigente Medico

Incarico Professionale di Alta Specializzazione: Traumatologia dello sport (delib. n.278 del 31 dicembre 2015).

Professore associato - disciplina MED/33 Malattie Apparato Locomotore - Università di Bologna.

Laurea in Medicina e Chirurgia, presso l’Università degli Studi di Bologna il 13/11/82.

Specializzazione in Ortopedia, presso l’Università di Bologna, il 13/7/87.
Specializzazione in Fisioterapia, presso l’Università di Bologna, il 3/3/90.

Dal 1988 al 1989, Fellowship in Medicina dello Sport presso la Tahoe Fracture and Orthopaedic Clinic di South Lake Tahoe, California (USA).
Dal 1 agosto 1999 ad oggi, servizio di Dirigente I livello fascia A in Ortopedia e Traumatologia presso la Clinica Ortopedica e Traumatologica I dell'Istituto Ortopedico Rizzoli diretta dal prof. Sandro Giannini. Ha eseguito circa 10000 interventi di cui 7000 come primo operatore.

Inglese: eccellente.

Buone capacità di utilizzo di Microsoft Office, dei motori di ricerca biomedici e dei software per la visualizzazione di immagini.

Dal 2000 al 2012 ha svolto attività didattica come professore a contratto presso l'Università degli Studi di Bologna, Facoltà di Medicina e Chirurgia. Ha insegnato alla Scuola di Specializzazione in Ortopedia e Traumatologia, alla Scuola di Specializzazione in Medicina Fisica e Riabilitazione e al CdL in Podologia (Abilitante alla Professione Sanitaria di Podologo).
Dal 2012 ad oggi, come professore associato, svolge la sua attività di insegnamento per il corso di laurea in Podologia, corso di laurea in Infermieristica (Campus di Rimini) e per il corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in Medicina e Chirurgia.

Ha pubblicato circa 200 lavori scientifici, su volumi o riviste editi sia all'estero che in Italia e ha partecipato a più di 100 progetti di ricerca.

È cootitolare di brevetti per l’impianto artroscopico di condrociti nella caviglia e per il trattamento delle lesioni osteocondrali con cellule mesenchimali autologhe.

Contenuto aggiornato il 11/07/2017 - 08:43
Utilizza SharethisShareThis  Scrivi una email  Vai a facebook  Vai a twitter