Sindrome algodistrofica di Sudek o CPRS

La Sindrome algodistrofica di Sudek, o CPRS, è la manifestazione clinica di un 'dolore distrofico'e si caratterizza dal punto di vista diagnostico per la presenza di un iniziale evento patogeno, l'entità dei sintomi sproporzionata rispetto alla noxa patogena, il dolore persistente, urente, associato ad allodinia e/o iperalgesia, la presenza per un certo periodo di edema, modificazioni del flusso ematico, alterata sudorazione dell'area interessata dal dolore. Le articolazioni distali sono più interessate delle prossimali perchè meno protette per il minor sviluppo delle parti molli e per la ricca innervazione sensitiva che determina un'ampia superficie riflessogena. Il trattamento è conservativo e si effettua mediante fisioterapia antalgica, antiedemigena, ricalcificante, massaggio linfatico, rieducazione.
Utile, se la sede è l'arto inferiore, lo scarico inizialmente completo poi parziale per interrompere il circolo vizioso dolore-appoggio del piede-dolore. Alla terapia fisica e riabilitativa associamo il trattamento di tipo farmacologico con farmaci antalgici e bifosfonati. L'efficacia della fisiochinesiterapia è correlata all'effetto della terapia antalgica per cui nei casi più gravi si ricorre anche all'utilizzo delle pompe epidurali. Recentemente abbiamo messo a punto un protocollo innovativo che prevede il trattamento dei trigger points con mesoterapia a dosi urto. Questo protocollo è risultato particolarmente efficace associato al trattamento riabilitativo e ha permesso di risolvere il quadro algodistrofico in tempi brevi.

Autrice: Dr.ssa Isabella Fusaro, Struttura Complessa di Medicina Fisica e Riabilitativa, Istituto Ortopedico Rizzoli.
Scheda revisionata il: 10 Gennaio 2014
Contenuto aggiornato il 13/01/2014 - 11:03
Utilizza SharethisShareThis  Scrivi una email  Vai a facebook  Vai a twitter