Biofabbricazione

ll laboratorio offre un servizio di stampa "customizzata" con materiali biomimetici di varia natura attraverso la combinazione di multiple tecnologie di stampa in un singolo processo in ambiente sterile controllato. La piattaforma presente è costituita da due apparecchiature:
  • 3D Discovery, una stampante che costruisce i dispositivi attraverso la polimerizzazione di idrogeli cellularizzati o meno, sostanze in grado di supportare la crescita di varie tipologie cellulari, o l’utilizzo di polimeri termoplastici per la realizzazione di scaffolds e modelli 3D
  • 3D Discovery Evolution, che, oltre alle già menzionate tecnologie, permette la realizzazione di costrutti con dimensioni caratteristiche sub-micro/nanometriche attraverso l'utilizzo di tecnologia di electrospinning/writing sia da fuso che in soluzione.
Figura 3: Piattaforma di 3D Bioprinting. I dati dei pazienti sono ottenuti tramite immagini TAC effettuate presso la Radiologia dell'Istituto e processati mediante specifici software. I files sono inviati alle stampanti che realizzano il costrutto
Figura 4: Esempi di biofabbricazione. La tecnica permette di ingegnerizzare tessuti complessi utilizzando le cellule del paziente stesso (Biofabrication), con precisione micrometrica nel posizionamento cellulare
Contenuto aggiornato il 17/09/2020 - 15:05
Utilizza SharethisShareThis  Scrivi una email  Vai a facebook  Vai a twitter