Indicatore di tempestività dei pagamenti

Come previsto dall’art.33 del D.Lgs. n.33 del 14 marzo 2013 si pubblicano in questa sezione i dati relativi a:

  • indicatore annuale e all'indicatore trimestrale dei tempi medi di pagamento relativi agli acquisti di beni, servizi, prestazioni professionali e forniture;
  • ammontare complessivo dei debiti e numero delle imprese creditrici.

In base alla norma questo Istituto ha calcolato l’indicatore come la somma, per ciascuna fattura emessa a titolo di una transazione commerciale, dei giorni effettivi intercorrenti tra la data di scadenza della fattura o richiesta equivalente di pagamento e la data di pagamento ai fornitori moltiplicata per l’importo dovuto, rapportata alla somma degli importi pagati nel periodo di riferimento. Il valore dell’indicatore, rappresenta pertanto il tempo medio di ritardo o anticipo del pagamento rispetto alla data di scadenza prevista dall’art. 4 comma 5 lettera b) del Decreto Legislativo 9 ottobre 2002, n. 231, come modificato dal Decreto Legislativo 9 novembre 2012, n. 192. Il calcolo è stato effettuato su tutti i fornitori di beni e servizi con l’esclusione di tutte le Pubbliche Amministrazioni.

L’indicatore annuale viene pubblicato entro il 31 gennaio dell’anno successivo a quello di riferimento, l’indicatore trimestrale entro il trentesimo giorno dalla conclusione del trimestre a cui si riferisce.

A decorrere dall’anno 2015 le Pubbliche Amministrazione sono tenute altresì a pubblicare, con cadenza annuale e trimestrale, l’ammontare complessivo dei debiti ed il numero delle imprese creditrici come previsto dal Dlgs n. 97 del 25 maggio 2016 che ha modificato l’art.33 del D.Lgs. n.33 del 14 marzo 2013.

Sia gli indicatori, sia gli altri dati richiesti (ammontare complessivo dei debiti e numero delle imprese creditrici) sono riportati nel file della sottostante sezione "documenti".

Contenuto aggiornato il 28/03/2017 - 10:08