Sviluppo di Terapie BioMolecolari

Saper prevedere come il singolo individuo risponderà al trattamento e poter quindi determinare accuratamente la prognosi è una sfida importante che oggi si può vincere grazie alle informazioni che ci arrivano dai geni. E’ questo uno dei principali obiettivi perseguiti dal CRS Sviluppo di Terapie Biomolecolari diretto dalla Dr.ssa Katia Scotlandi e risultati tangibili in questo senso sono già stati ottenuti per il sarcoma di Ewing, uno dei principali tumori solidi pediatrici.

La struttura è attualmente composta da ricercatori di complementare esperienza (medici, biologi, biotecnologi e biostatistici) e ha come finalità scientifica lo studio di bersagli molecolari specifici dei principali tumori ossei, nell’ottica di identificare nuove strategie terapeutiche. Questi studi rispondono a una precisa esigenza clinica per i due principali tumori ossei (osteosarcoma e sarcoma di Ewing) in quanto gli attuali schemi di trattamento hanno dato il massimo dei risultati possibili e vi è quindi la necessità di affiancarli a strategie innovative su base biomolecolare.

Fig. 1 - Il CD99 è un marcatore specifico per il sarcoma di Ewing. Viene utilizzato per la diagnosi differenziale di questo tumore ma ha anche importanti potenzialità terapeutiche (Scotlandi et al., EJC 2006; Rocchi et al., JCI 2010)

Accanto all’analisi degli effetti preclinici di nuovi farmaci diretti contro bersagli molecolari importanti per la patogenesi e progressione di questi tumori, il CRS Sviluppo di Terapie Biomolecolari si pone come obiettivo anche la creazione di nuove strategie molecolari (anticorpi umanizzati, anticorpi modificati, strategie antisenso, miRNA). Si prevede che nei prossimi anni particolare attenzione verrà posta ai miRNA.

Fig. 2 - I miRNA sono un incredibile strumento di comunicazione cellulare e di regolazione genica che stiamo cercando di conoscere per migliorare la diagnosi e la terapia delle neoplasie

Alcuni microRNA sono in grado di bloccare i geni che promuovono la crescita dei tumori. Studi in corso ne hanno già evidenziato il potere predittivo come indicatori di prognosi, ma i miRNA potrebbero in futuro diventare una terapia fondamentale da affiancare a quelle già disponibili. Il CRS Sviluppo di Terapie BioMolecolari è anche impegnato nell’ambito del  progetto Tecnopolo, Laboratorio PROMETEO, per quanto riguarda lo sviluppo di anticorpi con applicazioni diagnostiche e terapeutiche.

Il CRS Sviluppo di Terapie BioMolecolari accoglie mediamente ogni anno due studenti e un dottorando per la preparazione di tesi sperimentali ad indirizzo biomolecolare e medico. Dal 2009 al 2010 ha ospitato un ricercatore straniero, Fumihiko Nakatani, MD/PhD, che ha svolto un progetto di ricerca sul ruolo prognostico dei miRNA nel sarcoma di Ewing. Da gennaio ad agosto 2013 ospita una ricercatrice straniera, Casanova Salas Irene, nell’ambito del programma di dottorato, che si occupa dello studio dei meccanismi delle metastasi ossee nei tumori della prostata.

Progetti di ricerca recentemente conclusi:

 

Ministero della Salute:

  • “Genes regulating osteoblastogenesis as new therapeutic targets for bone tumors” (2008-2010). Responsabile: Dr.ssa K. Scotlandi, Istituto Ortopedico Rizzoli.
  • “Validation of targeted therapies and related biomarkers to predict tumour response” (2008-2010). Responsabile: Dr.ssa K. Scotlandi, Istituto Ortopedico Rizzoli.
  • “Novel therapy design for tumors resistant to conventional chemotherapy and for rare tumors” (2008-2010). Responsabile: Dr.ssa K. Scotlandi, Istituto Ortopedico Rizzoli.
  • “Development of new therapies in musculoskeletal tumors: immunotherapy and targeted therapies in comparison” (2008-2010). Responsabile: Dr.ssa K. Scotlandi, Istituto Ortopedico Rizzoli.

Associazione Italiana Ricerca sul Cancro (AIRC):

  • “Molecular therapy of bone sarcomas: the targeting of genes required for osteoblastogenesis as a new strategy” (2007-2010). Responsabile: Dr.ssa K. Scotlandi, Istituto Ortopedico Rizzoli.

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca:

  • “Determinanti molecolari di insorgenza e progressione dei sarcomi muscolo-scheletrici” (2009-2011). Coordinatore: Prof. P.L. Lollini. UO Leader: Prof. M. Mercuri, Università di Bologna.

Associazione Liddy Shriver:

  • “CD99 engagement and apoptosis in Ewing’s sarcoma: role of mitochondria and mitochondrial DNA mutations” (2010-2012). Responsabile Scientifico: Prof.ssa M. Rugolo, Università di Bologna e Prof.ssa K. Scotlandi, Istituto Ortopedico Rizzoli.

Unione Europea:

  • “European Network to Promote Research into Uncommon Cancers in Adults and Children: Pathology, Biology and Genetics of Bone Tumours (EuroBoNeT)” (2006-2010). (Responsabile: Prof. P. Hoggendorn, Leiden, Olanda), (Working Package Leader: Dr.ssa K. Scotlandi, Istituto Ortopedico Rizzoli).

Progetti di ricerca attivi:

 

Ministero della Salute:

  • “Molecular therapy in pediatric sarcomas and leukemias against IGF-IR system: new drugs, best drug-drug interactions with chemo- and radiotherapy, mechanisms of resistance and indicators of efficacy” (2010-2012). Responsabile: Dr.ssa K. Scotlandi, Istituto Ortopedico Rizzoli.

Associazione Italiana Ricerca sul Cancro (AIRC):

  • “From molecular to differentiation therapy of bone sarcomas: focus on IGF-IR and CD99 to construct the bridge” (2010-2013). Responsabile: Dr.ssa K. Scotlandi, Istituto Ortopedico Rizzoli.
  • My First AIRC Grant - MFAG dal titolo “Ruolo del Recettore Insulinico nei sarcomi” (2011-2014). Responsabile: Dr.ssa C. Garofalo, Istituto Ortopedico Rizzoli.

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca:

  • FIRB - “Piattaforme tecnologiche avanzate per la definizione di nuovi biomarkers e bersagli molecolari in vettori nano tecnologici per la diagnosi e terapia di neoplasie umane” (2012-2016). Coordinatore: Prof. A.M. Colao, Università di Napoli “Federico II”, UO Leader: Prof.ssa K. Scotlandi, Istituto Ortopedico Rizzoli.
  • PRIN - “Ruolo del sistema IGF nella genesi e nella progressione dei sarcomi ossei”, (2011-2013). Coordinatore: Prof. P.L. Lollini. UO Leader: Prof. P. Ruggieri, Università di Bologna.

Associazione Liddy Shriver:

  • “Molecular Mechanisms and Pharmacologic Inhibition of Bone Sarcoma Metastasis” (2012-2014). Grant internazionale. Coordinatore: Prof. D. Loeb, Università Johns Hopkins, Baltimora, MD. UO Leader: Prof.ssa K. Scotlandi, Istituto Ortopedico Rizzoli.

Unione Europea:

  • “Prospective Validation of Biomarkers in Ewing Sarcoma for personalised transalational medicine” (ERA-NET on Transcan).
Contenuto aggiornato il 27/05/2013 - 14:01
Utilizza SharethisShareThis  Scrivi una email  Vai a facebook  Vai a twitter