Linea di ricerca: Oncologia muscoloscheletrica

Descrizione

Comprende le attività di ricerca riguardanti le patologie oncologiche dell'apparato muscolo-scheletrico. Le tematiche riguardano la definizione di fattori prognostici (biologici, molecolari, genetici) nei tumori muscoloscheletrici primitivi per la stratificazione delle categorie di pazienti "a rischio", l'analisi dei meccanismi di resistenza ai farmaci e la valutazione preclinica di nuovi farmaci antitumorali o di nuove strategie terapeutiche comprendenti anche la ricerca di specifici bersagli da utilizzare in terapia. Anche su queste indicazioni vengono definiti i vari specifici protocolli clinici. Trovano spazio anche studi sulle metastasi scheletriche da carcinomi, sia per quanto concerne i meccanismi di riassorbimento del tessuto osseo sia per quanto riguarda l'analisi di tecniche mini-invasive (termoablazione con ago/TC guidata) di trattamento adiuvante o palliativo. La linea si gioverà della Banca Dati informatizzata, comprendente più di 28.000 casi di tumori e lesioni pseudotumorali dell'apparato muscolo-scheletrico, della Banca Tessuti comprendente 2.115 campioni di tessuto tumorale e di 3 Registri Nazionali: Tumori maligni primitivi dell'osso, Osteosarcomi e Sindrome di LIFraumeni. Infine, in collaborazione con le linee di ricerca Computer Aided Medicine e Medicina Rigenerativa Muscolo-Scheletrica, vanno citati gli studi sulla pianificazione computerizzata degli interventi chirurgici con innesti ossei omoplastici e autotrapianti di perone vascolarizzato in Oncologia Ortopedica, sulla successiva valutazione funzionale dei pazienti oncologici e gli studi sull'utilizzo di cellule staminali mesenchimali associate a gel piastrinico per migliorare l'integrazione degli alloinnesti ossei massivi nella chirurgia ricostruttiva dello scheletro nel paziente oncologico.

Obiettivi

La Linea di Ricerca persegue i seguenti obiettivi:

  • caratterizzazione dei tumori muscoloscheletrici mediante indagini di genomica e proteomica;
  • identificazione di fattori prognostici (biologici, molecolari, genetici) per l’inquadramento delle neoplasie dei tessuti molli e mineralizzati dell’apparato muscoloscheletrico;
  • utilizzo di studi di farmacogenomica finalizzati alla individuazione dei meccanismi di resistenza ai farmaci antitumorali e alla messa a punto di terapie biomolecolari;
  • valutazione preclinica di nuovi farmaci antitumorali, al fine di individuare strategie terapeutiche mirate, selettive e a minore tossicità;
  • utilizzo di studi prospettici e revisioni cliniche finalizzate ad un miglioramento dell’inquadramento diagnostico e terapeutico di tipo sia chirurgico che farmacologico;
  • validazione di tecniche chirurgiche innovative per il trattamento di neoplasie scheletriche che richiedono ampie resezioni e ricostruzioni funzionali.
Contenuto aggiornato il 29/07/2014 - 10:06
Utilizza SharethisShareThis  Scrivi una email  Vai a facebook  Vai a twitter