Dr. Alberto Ruffilli

Foto Dr. Alberto Ruffilli
Dr. Alberto Ruffilli
051-6366926

Titoli di Studio Professionali ed Esperienze Lavorative

14 dicembre 1982
Dirigente Medico Specialista in Ortopedia e Traumatologia

Incarico professionale di base "Chirurgia artroscopica" (delib. n.28 del 24 febbraio 2016)

2007: Laurea in Medicina e Chirurgia, Università degli studi di Bologna, con voto 110 e Lode

2013: Specialità in Ortopedia e Traumatologia, Istituto Ortopedico Rizzoli, con voto 70 e Lode.

Dal 2012 dottorando in Scienze Chirurgiche presso l’Università di Bologna.
Dal 2008 è medico reperibile per gli espianti del servizio di Banca dell’Osso dell’Istituto Ortopedico Rizzoli partecipando ad oltre 100 espianti come membro dell’equipe o capo equipe.
Medico Societario di numerose squadre sportive tra cui San Marino calcio attualmente militante in Lega Pro.
Ha sostenuto un periodo di formazione negli Stati Uniti presso il Taos orthopaedic Institute (Taos, NM, USA) diretto dal Prof. Jim Lubowitz.

Inglese: eccellente.

Familiarità con l’uso di Office, motori di ricerca biomedici (Pubmed...) e software di immagini (Pacs...).

Nel 2011 è stato Technical Instructor per “Arthrex knee arthroscopy course”.

Autore in oltre 35 pubblicazioni nazionali ed internazionali, 10 capitoli di libro e monografie, ha sostenuto oltre 20 presentazioni a conferenze nazionali e internazionali.
Ha collaborato in veste di sperimentatore a numerosi progetti di ricerca presso l’Istituto Ortopedico Rizzoli.
Dal Maggio 2012 al Dicembre 2012 è stato Consigliere dell'AISOT.
Nel Febbraio 2011, in occasione del Congresso annuale dell’American Academy of Orthopaedic Surgeons, San Diego, CA, è risultato vincitore del  “Scientific Exhibit Award of excellence”.

Medicina sportiva, medicina rigenerativa, terapie con cellule staminali, trattamento delle lesioni meniscali e legamentose del ginocchio, delle patologie cartilaginee e del piede-caviglia. Trattamento delle deformità vertebrali dell'età infanto-adolescenziale e dell’adulto. Trattamento delle steno-instabilità vertebrali e degenerative e traumatiche.

Contenuto aggiornato il 06/10/2017 - 11:53
Utilizza SharethisShareThis  Scrivi una email  Vai a facebook  Vai a twitter