L'impegno per la sicurezza

Il rischio clinico è definibile come "l’eventualità di subire un danno come conseguenza di un errore". Attualmente il tema del rischio clinico si pone come problematica di rilevanza nazionale che interessa vari settori dell’assistenza sanitaria e si colloca nel tema più generale della qualità e della valutazione dell’outcome.

Il rischio clinico in sanità può essere contenuto con iniziative di Risk management che rappresenta l’insieme di varie azioni complesse messe in atto per migliorare la qualità delle prestazioni sanitarie e garantire la sicurezza del paziente, sicurezza, tra l’altro, basata sull’apprendere dall’errore.

Solo una gestione integrata del rischio può portare a cambiamenti nella pratica clinica, promuovere la crescita di una cultura della salute più attenta e vicina al paziente ed agli operatori, contribuire indirettamente ad una diminuzione dei costi delle prestazioni ed, infine, favorire la destinazione di risorse su interventi tesi a sviluppare organizzazioni e strutture sanitarie sicure ed efficienti.

Tutto questo implica un profondo cambiamento culturale, che passa dal coinvolgimento degli operatori in prima linea, ma che vede chiamati in causa tutti gli attori del sistema: i politici, il management delle aziende ed i cittadini stessi.

In questo scenario l'Istituto Ortopedico Rizzoli ha da tempo sviluppato un approccio proattivo al risk management concretizzatosi con l'adozione di una serie di procedure e buone pratiche volte a migliorare la gestione del paziente, in particolare per gli ambiti considerati più rischiosi (identificazione dei pazienti, gestione dei farmaci, gestione del sangue, sale operatorie, emergenza, ecc.).

schema del risk management

Il Rizzoli è impegnato a promuovere tra i suoi operatori la cultura della sicurezza e soprattutto dell'imparare dagli errori, condizioni imprescindibili per una organizzazione sanitaria più sicura.

Le iniziative di gestione del rischio clinico vengono sviluppate alla luce sia delle direttive regionali che delle iniziative avviate dal Ministero della Salute in tema di qualità e sicurezza delle cure.

Dal 2008 è attivo il Programma aziendale di Gestione integrata del rischio che prevede l’applicazione dei principali metodi e strumenti proattivi e reattivi per il monitoraggio, analisi e valutazione degli eventi indesiderati per il paziente, ampiamente diffusi e riconosciuti validi internazionalmente  (es. incident reporting, root cause analysis, failure mode and effect analysis, significant event audit, safety walk around, clinical audit, ecc.).

Il Rizzoli, inoltre, partecipa da diversi anni a numerosi progetti di ricerca in ambito regionale e nazionale per lo sviluppo ed applicazione metodologie di analisi e valutazione dei rischi per la sicurezza del paziente e la gestione del rischio clinico.

Nel 2014 all'Istituto Ortopedico Rizzoli è stato assegnato il Premio GIMBE Award per il miglior progetto aziendale sulla sicurezza selezionato a livello nazionale.

Presso il Dipartimento Rizzoli-Sicilia a Bagheria, il Rizzoli partecipa al progetto della Regione Sicilia Patient Safety per l’accreditamento delle strutture sanitarie secondo gli standard di sicurezza della Joint Commission International (JCI).

Contenuto aggiornato il 11/04/2016 - 17:33
Redazione contenuti: Dott. Patrizio Di Denia (patrizio.didenia@ior.it)
Utilizza SharethisShareThis  Scrivi una email  Vai a facebook  Vai a twitter