Anatomia e istologia patologica

La Struttura Semplice Dipartimentale (SSD) di Anatomia e istologia patologica svolge le seguenti attività:

  •  diagnostica istologica per le patologie dell'apparato muscolo-scheletrico;
  •  consulenza su campioni allestiti e non (qui le indicazioni per richiedere una consulenza anatomo-patologica);
  •  ricerca clinica con studio retrospettivo e prospettico della casistica dell'Istituto Ortopedico Rizzoli;
  •  meeting con i colleghi delle unità oncologiche dell'Istituto Ortopedico Rizzoli;
  •  tirocinio pratico-professionale per gli studenti del corso di laurea in Tecniche di Laboratorio e stage per studenti e medici italiani e stranieri.

In ambito muscolo-scheletrico l'attività diagnostica riguarda le lesioni tumorali o simil-tumorali dell'osso e dei tessuti molli, le malattie non neoplastiche dell'osso e le malattie della sinovia e delle articolazioni.

La SSD di Anatomia e istologia patologica è riconosciuta centro di riferimento nazionale A.I.E.O.P. (Associazione Italiana di Ematologia e Oncologia Pediatrica) relativamente ai tumori pediatrici dell'osso e centro di riferimento HUB regionale per la diagnostica dei tumori dell'osso e dei tumori dei tessuti molli delle estremità.

Diagnostica istologica

Il Servizio di Anatomia Patologica eroga diagnosi istopatologiche su materiale bioptico e su pezzi chirurgici. Scopo di tali esami istologici è stabilire la presenza di un processo patologico e definirne la natura.
In particolare, l’esame dei pezzi chirurgici prevede:

  • descrizione macroscopica con esame dei margini chirurgici;
  • esecuzione di foto macroscopiche in formato digitale;
  • studio radiografico delle sezioni macroscopiche;
  • prelievi sulla neoplasia;
  • studio di macrosezioni;
  • mappatura del pezzo chirurgico per la valutazione della necrosi chemio-indotta ove previsto dai protocolli internazionali.
Colorazione ematossilina-eosina in un osteosarcoma ad alto grado di malignità

Diagnostica istologica intraoperatoria

Si eseguono esami in estemporanea su campioni giunti “a fresco” in laboratorio in corso di intervento chirurgico. La risposta viene comunicata telefonicamente e tramite fax al chirurgo richiedente entro 15 minuti.

Immunoistochimica

Nel settore di immunoistochimica viene eseguita la ricerca di antigeni tissutali specifici al fine di caratterizzare in modo completo le patologie dell’apparato muscolo-scheletrico. Tali esami vengono condotti su tessuto paraffinato, utilizzando strumenti automatizzati, anticorpi mono- o policlonali e sistemi di rivelazione altamente sensibili.

Le maggiori applicazioni diagnostiche dell’immunoistochimica riguardano la diagnosi differenziale tra le diverse neoplasie dell'apparato muscolo-scheletrico, l’identificazione dell’origine di una metastasi di cui non si conosce il tumore primitivo e la valutazione quantitativa di markers prognostico-terapeutici al fine di impostare terapie mirate.

Positività immunoistochimica nucleare per l'antigene SATB2 in un osteosarcoma

Biologia molecolare 

Nel settore di biologia molecolare si esegue la ricerca di alterazioni genetiche caratteristiche di specifici sarcomi, applicando tecniche quali la Real-Time RT-PCR (Reverse Transcriptase-Polymerase Chain Reaction) e la FISH (Fluorescence In Situ Hybridization).

Tracciato elettroforetico in un sarcoma di Ewing

Allo sviluppo di tale settore contribuiscono le nuove tecnologie, che hanno portato alla messa a punto di sempre più sofisticate metodiche di indagine molecolare, quali la Digital PCR.
Tali indagini vengono effettuate sia su tessuto fresco che su tessuto fissato in formalina ed incluso in paraffina.
Qui l'elenco delle traslocazioni ricercate nella SSD di Anatomia e istologia patologica.

N.B.: In caso siano necessarie indagini molecolari (ALK, EGFR, HER, ecc.) sulle metastasi di tumori epiteliali il paziente può richiedere sezioni istologiche rappresentative del tumore (vedi indicazioni per richiedere materiale istologico).

Analisi FISH per riarrangiamento del gene EWSR1

Consulenza specialistica

Viene fornita consulenza specialistica con revisione istologica di preparati inerenti alle patologie dell'osso e dei tessuti molli. La SSD di Anatomia e istologia patologica riceve routinariamente casi in consulenza di provenienza nazionale e internazionale (in rosso, nella mappa, i paesi che ad oggi hanno inviato casi in consulenza).

Mappa delle richieste di consulenze specialistiche.

Attività didattica

Si organizzano meeting anatomo-clinici in cui vengono discussi casi particolarmente interessanti da un punto di vista clinico-diagnostico-terapeutico tramite videoproiezione di immagini radiologiche e visione di preparati istologici al microscopio multiteste.
Presso il Laboratorio effettuano il tirocinio pratico-professionale studenti del corso di laurea in Tecniche di Laboratorio e tirocini pre laurea studenti di Biologia e Biotecnologia.
Il reparto è anche meta di stage per medici italiani e stranieri che seguono l’attività routinaria del reparto, hanno accesso all’archivio istologico dei tumori dell’osso e dei tessuti molli e partecipano alla pubblicazione di lavori scientifici.

Attività di ricerca

Presso il Laboratorio si svolge attività di ricerca su patologie dell’apparato muscolo-scheletrico; in particolare:

  • collaborazioni con i Laboratori di Ricerca e altri reparti dell'Istituto Ortopedico Rizzoli attraverso fornitura di materiale da archivio, allestimento di preparati, revisioni di casistiche, esecuzione di indagini immunoistochimiche e molecolari;
  • individuazione di markers prognostico-predittivi per l’utilizzo delle nuove target-therapies in collaborazione con il Servizio di Chemioterapia;
  • messa a punto di nuovi protocolli terapeutici in collaborazione con il Laboratorio di Oncologia Sperimentale;
  • studi sull’osso di pazienti resecati per tumori ossei in età infantile in collaborazione con il Laboratorio di Tecnologia Medica;
  • partecipazione a progetti Europei riguardanti i tumori dell'osso e dei tessuti molli.

Gli avanzamenti ed i risultati delle attività di ricerca vengono monitorati annualmente dalla Direzione Scientifica dell’Istituto nel rispetto delle direttive definite dal Ministero della Salute.

Banca dei tessuti di tumori muscolo-scheletrici

Nel laboratorio vengono routinariamente effettuati prelievi “a fresco” di tessuto patologico per la Biobanca dei Tumori Muscolo-Scheletrici. I tessuti raccolti possono essere utilizzati sia per eventuali approfondimenti diagnostici che a fini di ricerca, anche in ambito internazionale.
Attualmente la Biobanca comprende:

  • oltre 10.000 prelievi di tessuto neoplastico derivante da tumori dell'apparato muscolo-scheletrico, sia dell'osso che dei tessuti molli, comprese le metastasi formatesi da questi e le metastasi ossee di tumori di varia origine;
  • circa 5.000 campioni di tessuto sano adiacente le neoplasie.

La gestione di tale Biobanca è affidata alla Dr.ssa Giovanna Magagnoli (biologa del Laboratorio di Ricerca Oncologica), presente nel laboratorio di Anatomia Patologica, che si occupa della crioconservazione ed archiviazione dei tessuti e della registrazione dei dati inerenti i prelievi su apposito supporto elettronico.

La Biobanca dei Tumori Muscolo-Scheletrici dell'Istituto Rizzoli risulta essere la più ampia raccolta al mondo di tessuti derivanti da neoplasie dell’apparato muscolo-scheletrico ed è inserita nel network delle biobanche riconosciuto da BBMRI (Biobanking and Biomolecular Resources Research Infrastructure)
e RIBBO (Rete Italiana di BioBanche Oncolologiche).

Il Sistema Qualità del Servizio di Anatomia e Istologia Patologica

La SSD di Anatomia e Istologia Patologica è una Organizzazione con Sistema di Gestione Certificato da KIWA CERMET secondo la norma UNI EN ISO 9001:2008.

Contenuto aggiornato il 11/11/2016 - 10:09
Redazione contenuti: Dr.ssa Stefania Benini - Dott. Marco Gambarotti
Utilizza SharethisShareThis  Scrivi una email  Vai a facebook  Vai a twitter