Main container

Prof. Donati Davide Maria

Curriculum Vitae

Data di nascita
16/07/1958
Qualifica

Professore Associato presso l'Università di Bologna, convenzionato come Dirigente Medico presso l'Istituto Ortopedico Rizzoli

Incarico attuale

Incarico di Direttore di Struttura Complessa: Clinica Ortopedica e Traumatologica III a prevalente indirizzo oncologico (deliberazione n.263 del 22 novembre 2016).

Titoli di studio

Laurea in Medicina e Chirurgia, Università di Bologna, ottobre 1983

Altri titoli

Specializzazione in Ortopedia, luglio 1988
Corso di Perfezionamento in "Biomateriali in Chirurgia Protesica”, giugno 1995.
Affiliazione presso la Harvard Medical School di Boston, MA, USA
Affiliazione presso la Mayo Clinic, Rochester, MN, USA

Incarichi ricoperti

Febbraio 1988 - Gennaio 1989: Ricercatore a Contratto presso l'Istituto Ortopedico Rizzoli.
Dal 1 Febbraio 1989: Funzionario Tecnico dell'Università degli Studi di Bologna presso la 1a Clinica Ortopedica diretta dal Prof. M. Campanacci.
Dal 1 Agosto 1989: Assistente ortopedico convenzionato con l'Istituto Ortopedico Rizzoli.
Dal 1993 responsabile del controllo batteriologico per la Va Divisione, in collaborazione con il Dr. Bacci ed il Servizio di Microbiologia dell'istituto.
Dal 1994 Responsabile per la Va Divisione della Banca dell'Osso dell'Istituto Ortopedico Rizzoli.
Dal Maggio 1997 Responsabile Equipe reperibilità per Prelievo da cadavere nell’ambito dell’attività della Banca dell’Osso.
Luglio 1999- Luglio 2002 titolare di un modulo funzionale “Studio e protocolli terapeutici nell’uso di innesti ossei massivi”.
Luglio 2002: Titolare di Modulo Organizzativo per i Trapianti ed innesti ossei presso la V Divisione.
Ottobre 2002: Ricercatore Confermato in “Patologia dell’Apparato Locomotore” presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bologna.
Da Gennaio 2002 Consulente a contratto presso l’Azienda USL di Rimini per l’Oncologia Muscoloscheletrica.
Da Settembre 2003 Responsabile della Attività scientifica del Laboratorio di Rigenerazione tissutale muscoloscheletrica per la Banca del tessuto muscolo scheletrico.
Da Marzo 2005 Responsabile del Modulo Organizzativo di Rigenerazione Tissutale Ossea.
Da Ottobre 2005 Professore aggregato (III Fascia) in ortopedia, convenzionato come Dirigente Medico di I livello presso l’Istituto Ortopedico Rizzoli.
Dal 1983 ad oggi: primo operatore in più di 2.500 interventi chirurgici, la maggior parte dei quali in ambito oncologico.

Lingue

Inglese: eccellente

Tecnologie

Utilizzo di apllicativi Office, Filemaker, Internet.

Attività didattica

Professore a Contratto in Medicina Legale-Scuola di Specialità in Sicurezza, Assistenza e Previdenza Sociali- Facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Macerata.
Dal 1989 ad oggi: docente in patologia dell’apparato locomotore agli studenti di Medicina e Chirurgia
Titolare nei corsi: Biologia dell’osso ed integrazione degli impianti, Scuola di Specialità di Ortopedia e Traumatologia, Riabilitazione Neurologica, Scuola di Specialità di Terapia Fisica e Riabilitazione, Tumori dell’apparato scheletrico, Scuola di Specialità in Chirurgia Maxillo-Facciale, Patologia delle pelvi e dell’arto inferiore, Corso per Tecnici Ortopedici. Docente nel Master Universitario di II livello in Osteoncologia.

Attività scientifica

Responsabile e collaboratore in numerosi progetti interni all’Istituto Rizzoli in ambito di ricerca clinica e in vari progetti di ricerca di base esterni all’Istituto Rizzoli in ambito laboratoristico e preclinico.

In campo oncologico:

  • sviluppo ed impianto di protesi su misura prototipate con stampa in 3D;
  • chirurgia navigata del bacino e del sacro nei pazienti con tumori primitivi o secondari.

Ricerca in campo di medicina rigenerativa:

  • trattamento dell'osteonecrosi con cellule staminale autologhe;
  • trattamento delle lesioni pseudotumorali con cellule staminali prelevate dal midollo osseo;
  • trattamento dei ritardi di consolidazione con cellule staminali prelevate dal midollo;
  • ricostruzione dei difetti cartilaginei.

Invitato come relatore e correlatore in numerosi congressi nazionali e internazionali. Autore di più di 300 pubblicazioni inclusi atti di convegni e articoli su riviste.

Interessi clinici e/o scientifici

Alta specializzazione nel trattamento di:

  • tumori maligni dell'osso e delle parti molli: osteosarcoma, sarcoma di Ewing, condrosarcoma, liposarcoma, sarcoma delle parti molli, ecc.
  • tumori benigni dell'osso e delle parti molli: lipoma, tumore lipomatoso atipico, mixoma, condroma, esostosi, ecc.
  • lesioni pseudotumorali: cisti ossea semplice, cisti aneurismatica, displasia fibrosa;
  • sviluppo di protesi su misura per il trattamento di lesioni osteocondrali del ginocchio;
  • sviluppo di protesi su misura di bacino per la ricostruzione di lesioni maligne della pelvi.

Eventi Formativi

Promotore/organizzatore dei seguenti eventi formativi.

Banner Course MSP 2023
XXXIV Course on Musculoskeletal Pathology
Hot topics in musculoskeletal tumor treatment
da  
Martedì - 23 Maggio 2023
a  
Venerdì - 26 Maggio 2023
Leggi tutto
Custom solutions for severe bone and joint defects (CSBJD)
Custom solutions for severe bone and joint defects (CSBJD)
da  
a  
Venerdì - 28 Ottobre 2022
Leggi tutto
Locandina XXXIII Course (particolare)
XXXIII Course on Musculoskeletal Pathology
Hot topics in musculoskeletal tumor treatment
da  
Lunedì - 23 Maggio 2022
a  
Giovedì - 26 Maggio 2022
Leggi tutto
Locandina SBJD 2021 (dettaglio)
Custom Solutions for severe bone and joint defects
For orthopaedic surgeons interested to complex reconstructions related to wide bone and soft tissue deficiencies
da  
a  
Leggi tutto

Brevetti

Brevetto
Osso Demineralizzato, suoi usi e procedimento per il suo ottenimento
Un nuovo metodo per produrre Matrice Ossea Demineralizzata (DBM) da osso ovino, innesto utilizzato per indurre la rigenerazione ossea, con qualità potenzialmente superiori a quelle oggi disponibili, sia perché la nuova procedura permette una rimozione praticamente integrale della componente minerale, sia perché i tempi di suddetta rimozione sono molto brevi, dunque poco dannosi nei confronti della componente biologicamente attiva dell’osso trattato. Inoltre si è dimostrato che l’adesione delle cellule mesenchimali staminali alle particelle di DBM dipende dalle dimensioni di quest’ultime e, sulla base di questo dato, è stata individuata la dimensione ottimale delle particelle e definita la tecnica più opportuna per isolarle sulla base della loro granulometria.
Leggi tutto