Main container

Clinica IV - Ortoplastica

Presentazione

La Chirurgia Ortoplastica si fonda su un approccio combinato nel trattamento di perdite di sostanza del sistema muscoloscheletrico avvalendosi di competenze sia plastiche che ortopediche. Tale (super)specializzazione si è resa necessaria visti gli attuali protocolli di trattamento multidisciplinare delle gravi perdite di sostanza, sia traumatiche che oncologiche, degli arti e del tronco che prevedono tassativamente l’integrazione di più competenze per fornire il miglior trattamento  possibile al paziente.  Sotto il profilo assistenziale, pertanto, questa disciplina si propone di offrire soluzioni innovative al trattamento di molte patologie, non soltanto postraumatiche e oncologiche, che trovano risposte inadeguate o incomplete in altri ambiti specialistici. Inoltre, la Chirurgia della Mano da sempre coniuga capacità plastiche e ortopediche in quanto dedicata alla riparazione e ricostruzione sia di ossa che di parti molli e pertanto fa parte dell’offerta assistenziale che una UO di Ortoplastica dovrebbe garantire.

L’attività di ricerca si articola su alcuni progetti direttamente collegati alla mission della UO di Chirurgia Ortoplastica. Questa nuova disciplina necessita infatti di una caratterizzazione non solo assistenziale ma anche scientifica che, nello specifico, potrebbe esprimersi nell’applicazione delle seguenti linee di ricerca.

Allotrapianto di articolazioni vascolarizzate da donatore multiorgano:

i Vascularized Composite Allograft (VCA) rappresentano l’ultima frontiera in trapiantologia. Essi consistono in trapianti multitissutali (mano, faccia, parete addominale etc) che a differenza dei trapianti di organi solidi (rene, cuore, fegato etc) non sono considerati “salva vita”. Pertanto sono state molto dibattute tematiche etiche legate alla necessita di somministrare a vita una terapia immunosoppressiva non esente da effetti collaterali anche gravi. Il trapianto di articolazione, al contrario, potrebbe essere supportato da una terapia immunosoppressiva limitata nel tempo e quindi poco dannosa, risolvendo gravi patologie articolari di qualunque natura soprattutto a vantaggio di pazienti giovani e attivi.

Microchirurgia Robotica:

Nel corso degli ultimi 15 anni la tecnologia robotica ha fatto il suo ingresso con successo in molte specialità chirurgiche migliorando sensibilmente gli outcome e riducendo la invasività. L’avvento della robotica nella microchirurgia ricostruttiva si propone di superare i limiti della mano umana rendendo possibile a molti microchirurghi di spingersi oltre i propri limiti fisiologici potendo dominare la “supermicrochirurgia” ovvero una microchirurgia che si rivolge a vasi di diametro inferiore a 0,5 mm. E’ attualmente disponibile la prima piattaforma robotica dedicata alla microchirurgia, con la quale abbiamo eseguito i primi interventi robotici al mondo. L’utilizzo di questa metodica innovativa apre nuovi scenari di ricerca applicabili alla chirurgia del linfedema e alla supermicrochirurgia in genere. E’ stato creato un registro internazionale allo scopo di raccogliere dati omogenei e oggettivare i vantaggi conseguenti all’introduzione di questa tecnologia che ci vede attualmente leader a livello mondiale.

Ricostruzione Bionica degli Arti: Attraverso l’abbattimento delle barriere disciplinari, si propone la creazione di un Centro di Medicina Traslazionale Congiunto tra l’Istituto Rizzoli e l’Istituto di BioRobotica della Scuola Sant’Anna di Pisa, nel quale sperimentare tecniche di ricostruzione chirurgica in combinata con dispositivi biorobotici di ultima generazione per il trattamento delle patologie che attualmente non presentano alternative terapeutiche pienamente funzionali per il paziente. Il Centro congiunto si sviluppa in spazi appositamente attrezzati attraverso i quali consentire una permeazione continua tra il mondo clinico e quello della bioingegneria traslazionale e promuovere con un’adeguata massa critica la capitalizzazione dei risultati.
 

Contatti e ubicazione

Contatti

Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP)

Lun-Ven ore 8.00-14.00

Prefestivi ore 8.00-13.00

tel. 051-6366900

fax 051-4689931

e-mail info_urp@ior.it

Contenuto aggiornato il
04/03/2022 14:27